dcsimg

CONFERENCE

Grazie per aver partecipato

al Convegno Internazionale sui Mangimi Liquidi

 

Dagli zuccheri ai mangimi liquidi

 Logos 

dalla ricerca al futuro

 

Il convegno che si è svolto lo scorso 28 Novembre ha riunito oltre 350 partecipanti, di cui 60 nutrizionisti provenienti da 7 diversi paesi europei e più di 240 italiani. 

Una giornata di approfondimenti tecnico-scientifici sulla microbiologia ruminale, la caratterizzazione e i ruoli degli zuccheri e mangimi liquidi nella nutrizione delle vacche da latte.

 

Conference images

 

Programma

 

 

Relatori

 

 

 

Paul Weimer FinalAlberto Palmonari FinalAndrea Formigoni Final

  

Greg Penner FinalJoe Harris Final

Pubblicazioni scientifiche dei nostri relatori

 

Gentili ospiti,

In ED&F Man vorremmo farvi approfittare al massimo di questo evento.

Crediamo che il convegno sia un’opportunità unica per aggiornare le nostre conoscenze, non soltanto sui mangimi liquidi, ma anche su altre novità scientifiche del mondo dei ruminanti.

Il nostro Team tecnico ha fatto una selezione dei principali articoli recentemente pubblicati dai relatori, per permettervi di scoprirne di più sui loro temi di ricerca.

Buona lettura!

 

 

Alberto Palmonari: 

pdf ifcon Effect of undigested neutral detergent fiber content of alfalfa hay on lactating dairy cows: Feeding behaviour, fiber digestibility, and lactation performance

 

Andrea Formigoni:

pdf ifcon Chewing and ruminating with various forage qualities in nonlactating dairy cows

 

pdf ifcon Applications of uNDF in ration modeling and formulation

 

Greg Penner:

pdf ifcon Mechanisms of Volatile Fatty Acid Absorption and Metabolism and Maintenance of a Stable Rumen Environment

 

pdf ifcon Practical feeding management recommendations to mitigate the risk of subacute ruminal acidosis in dairy cattle

 

Paul Weimer:

pdf ifcon Effects of ruminal dosing of Holstein cows with Megasphaera elsdenii on milk fat production, ruminal chemistry, and bacterial strain persistence

 

pdf ifcon Host–rumen microbe interactions may be leveraged to improve the productivity of dairy cows1